Leggere le righe

Molte attività che si comunicano oggi fanno ancora marketing tradizionale. Sono quelle aziende che credono che il marketing sia fatto ancora principalmente di promozione e che la comunicazione debba essere unidirezionale (dove l’azienda parla e il cliente ascolta).

La realtà del marketing oggi è molto diversa e non sono più solo i tuoi clienti ad ascoltare quello che hai da dire, ma soprattutto sei tu che devi ascoltare loro. Un buon marketing digitale si deve basare sull’ascolto del proprio pubblico ma se ti stai chiedendo come si può fare ad ascoltare e conoscere il proprio pubblico, io ti dico di iniziare leggendo le righe.

Che cosa intendo con leggere le righe?

Internet ci offre una moltitudine di strumenti che ci permettono di entrare in contatto con persone che vengono a cena nel tuo ristorante, che acquistano i tuoi prodotti o che vorrebbero farlo.
A portata di click abbiamo a disposizione una miniera di informazioni sotto forma di recensioni, commenti, richieste di informazioni, ma anche fotografie e video che ci forniscono dettagli preziosi sull’esperienza che queste persone hanno dei tuoi prodotti o servizi.
Le opinioni dei nostri clienti o potenziali clienti ci potrebbero suggerire degli errori di comunicazione semplicemente risolvibili (come un orario d’apertura scomodo o scritto sbagliato) o aiutarci a definire meglio i nostri punti di forza (qual è il prodotto che è più citato/ fotografato/ commentato?).

Essere imparziali

Sul piano teorico siamo bravi tutti nel lavoro di ascolto, non c’è nulla di particolarmente difficile nel leggere i commenti online (ma anche ascoltare quello che ci viene detto offline). Un altro paio di maniche è il lavoro dell’ascolto sul piano pratico.
Già, perché quello che fanno le persone commentando o lasciando una recensione è dare un giudizio sul tuo lavoro e non è sempre facile riuscire a rimanere imparziali e ascoltare davvero quelle parole e capire se ti stanno suggerendo di attuare piccoli o grandi cambiamenti che spesso hanno molto più a che fare con il modo di comunicare piuttosto che con il tuo lavoro in sé.

Il cliente ha ragione

Con questo intendo che il tuo modo di comunicare ti serve per entrare in relazione e soddisfare i bisogni dei tuoi clienti. Quindi non importa se tu sei contrario ad avere il menu pubblicato online, se è questo che il tuo pubblico vuole, lo devi fare per il bene della tua attività e della reputazione online che ti stai, volete o nolente, costruendo.

Sfrutta tutte queste informazioni, ascolta il tuo pubblico iniziando semplicemente a leggere le righe.

Qui ti puoi iscrivere alla mia newsletter




Se ti iscrivi accetti l’informativa sulla privacy.

Tags from the story
More from Daniela Barutta

5 libri per gourmet digitali

Il Natale è alle porte ma so bene di non essere l’unica...
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *